Come lavorare un bordo del collo doppio e i bordi

Tags: asola, bordo, cardigan, ferri circolari, maglia rasata, maglioni, scaldacollo, top down,

In questo video DROPS vi mostriamo come lavorare un bordo del collo doppio e i bordi che vengono utilizzati nel cardigan «Love Links» in DROPS 217-18. Abbiamo già lavorato 9 cm fino al bordo del collo.

Sul ferro 1 vi mostriamo come intrecciare 6 maglie (= bordo), lavorare a diritto sulle maglie successive e allo stesso tempo aumentare nuove maglie in modo uniforme su queste maglie. Lavorare a coste sulle ultime 6 maglie + 1 maglia di vivagno a maglia legaccio.

Sul ferro 2 vi mostriamo come intrecciare 6 maglie (= bordo), lavorare a rovescio sulle maglie successive, lavorare il gettato a rovescio ritorto = nessun buco. Lavorare 1 maglia di vivagno a maglia legaccio a ogni lato.

Poi lavorare lo sprone, leggere un modello per ulteriori informazioni sugli aumenti, segnapunti e diagrammi.
Poi riprendere le maglie lungo i bordi, ricordarsi delle asole. Poi cucire il bordo al bordo del collo all'interno della maglia di vivagno con la cucitura verso il rovescio del lavoro.
Piegare le coste in cima al collo doppio verso il rovescio del lavoro. Cucire l'apertura al centro davanti con piccoli punti.

Il cardigan in DROPS 217-18 è lavorato in DROPS Merino Extra Fine, ma nel video usiamo un filato più spesso; DROPS Snow.

Dovete leggere un modello per essere in grado di seguire questo video in maniera corretta. Troverete un modello che usa questa tecnica cliccando sulla foto sotto.

The video above can be used in the following patterns

Potete modificare la velocità del video cliccando sull'icona delle sulla barra di riproduzione.

I nostri video non hanno il sonoro.

Siamo un'azienda multinazionale e vengono visualizzati da persone di tutto il mondo, che parlano lingue diverse, molte delle quali non capiscono l'inglese.

Abbiamo quindi scritto delle istruzioni per accompagnare questi video, e non ci sono suoni che disturbano durante la visione. Divertitevi!

Lasciare un commento su questo video

Your email address will not be published. Required fields are marked *.